I Guru? Non li invidio - il privilegio di sbagliare

In Rete si incontrano persone di ogni tipo - diverse esperienze, diversi stili, diverse competenze...

Eppure, molte di loro sembrano accomunate da un unico scopo: raggiungere la vetta, imporsi come massimi esperti del proprio ramo.

In pratica, diventare dei Guru. 😇

Certo - essere seguiti da migliaia, milioni di persone, essere gli ospiti d'onore agli eventi che contano, vedere i propri libri andare a ruba... chi non ne sarebbe contento?

Eppure, spesso si sottovalutano i rischi della scalata al successo, soprattutto nell'Era di Internet, dove basta un nonnulla per accendere gli animi, scatenare una faida, demolire una reputazione.

E ogni piccolo passo falso può rivelarsi fatale - una risposta meno garbata del solito, una minima incoerenza... tanti sono i pericoli!

Fra i tanti, scivolosi gradini della società 2.0, possiamo distinguere alcuni step fondamentali.

Nel dettaglio:

  • I Miti, ovvero coloro che con lunghi anni di lavoro hanno guadagnato un credito pressoché inattaccabile, veri e propri oracoli per chi li segue;
  • I VIP, voci autorevolissime, possono aspirare al rango di Mito;
  • I Pupilli, ovvero gli emergenti, spesso incoraggiati da qualche VIP;
  • Le Voci Ascoltate, che stanno un po' sulle loro - ma spesso sono citati da VIP e Pupilli;
  • Gli Wannabe, coloro che ancora stanno facendosi largo;
  • Il Popolo del Web, prevalentemente consumatori di contenuti.

A mio giudizio, solo tre categorie possono dirsi relativamente al riparo da eventuali scivoloni: i Miti, perché ormai talmente grandi, e con un tale numero di contributi al proprio settore, da essere quasi immuni da attacchi (che in fondo arriverebbero solo dal basso), e da vedersi perdonare eventuali sbagli occasionali; le Voci Ascoltate, perché spesso sono popolari solo all'interno di una nicchia ristretta, e arrivano al grande pubblico soltanto attraverso il filtro dei VIP; e infine il Popolo del Web, le cui attività, salvo casi particolarmente virali, si perdono nel mare magnum della Rete.

Si tratta ovviamente di una semplificazione estrema - moltissimi i livelli intermedi, e magari in molti non si trovano d'accordo con me al riguardo 😏

Per quanto mi riguarda, se proprio dovessi e potessi scegliere, mi piacerebbe arrivare al rango di Voce Ascoltata - qualche soddisfazione, ma nessuna ansia da prestazione, nessuna polemica: non sono infatti abbastanza docile da essere il Pupillo altrui, né ho la costanza per diventare un VIP o persino un Mito...

...d'altra parte, la vita da Wannabe è spesso grama, e sono troppo vanitoso per restare un semplice "popolano" virtuale 😄

In ogni caso, continuerò a scrivere perché è qualcosa in cui credo, che mi ha permesso di conoscere moltissime persone interessanti e anche di ottenere qualche lavoretto - qualsiasi etichetta gli altri decidano di affibbiarmi.


E voi, come vi vedete? 

Popular posts from this blog

#GiovaniDiOggi - Crescere a pane e WhatsApp

Un esodo MASTODONtico?